Violenza donne: “codice rosa” attivo anche alla Asl di Pisa

Il ‘Codice rosa’, percorso di accesso al pronto soccorso riservato alle vittime di violenze, sarà esteso ad altre 5 Asl e aziende ospedaliero-universitarie toscane. E’ quanto deciso oggi dalla Giunta regionale toscana che ha approvato un’apposita delibera. Il ‘Codice rosa’, già attivo in via sperimentale nelle Asl di Lucca, Prato, Arezzo, Grosseto e Viareggio, sarà ora esteso alle Asl di Pisa, Livorno, e Empoli e alle Aou di Careggi e del Meyer.

L’assessore al diritto alla salute Luigi Marroni ha ricordato che “nel 2012, nelle 5 Asl in cui il ‘Codice rosa’ è stato attivo, ha permesso si far emergere 1455 casi di maltrattamenti o abusi. Ora arriviamo complessivamente a 10 Asl e il prossimo anno lo estenderemo a tutta la regione”.

Secondo l’assessore al welfare Salvatore Allocca, “questo è uno strumento importante per l’emersione di fenomeni sommersi di violenza contro le donne o soggetti fragili” come bambini, anziani, immigrati o omosessuali.

Condividi!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *