Pisa, decolli più rapidi contro rumore

Da oltre un mese l’inquinamento acustico provocato dagli aerei in fase di decollo dall’aeroporto di Pisa è in via di diminuzione, grazie a un progetto, entrato in vigore il 31 marzo scorso e presentato oggi dalla Sat, la società di gestione dello scalo pisano, di mitigazione dell’impatto acustico sulla città insieme al progetto definitivo 2013-2015 di potenziamento delle infrastrutture di volo del ‘Galilei’.

Per abbassare le emissioni sonore un’ordinanza aeroportuale impone un profilo di salita degli aerei più ripido rispetto a
quello standard, grazie al quale è possibile arretrare di oltre 300 metri della soglia dei 60 decibel spostandola dunque dal
centro abitato in prossimità del tracciato della superstrada Firenze-Pisa-Livorno, in linea con la zonizzazione acustica
comunale vigente.

Nei prossimi due anni, grazie a un investimento complessivo di circa 18 milioni di euro che prevede la messa in sicurezza delle due piste e la realizzazione del nuovo raccordo delle testate sud delle stesse, si otterrà un anticipo della corsa al decollo di circa 265 metri rispetto a quella attuale, riducendo ulteriormente l’impatto acustico sulla città e arretrando di altri 260 metri collocando la soglia dei 60 decibel entro il tracciato della superstrada. Secondo le proiezioni di crescita del traffico, il nuovo scenario operativo consentirà all’aeroporto di Pisa di gestire nel 2025, sempre nel pieno rispetto della zonizzazione acustica comunale vigente, circa 50 mila movimenti annui.

Condividi!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *