Haring, il murale che piace a Letta

E’ stato completato nel novembre scorso il restauro dell’opera Tuttomondo di Keith Haring, a Pisa, citata ieri sera dal premier Enrico Letta, perché “ben rappresenta tutte le diversità”.

Dopo la pulitura della parte alta del murale, collocato su una parete della chiesa di Sant’Antonio, in pieno centro, si è lavorato sulle vernici per restituire brillantezza ai colori e per installare una nuova e migliore barriera in plexiglas che li proteggesse da agenti atmosferici e smog. Entro maggio sarà invece completata la riqualificazione della piazzetta antistante l’opera d’arte, con una nuova pavimentazione e la riorganizzazione degli spazi per renderla un luogo d’incontro per pisani e turisti.

Il restauro dell’opera è stato curato anche grazie alla Fondazione Keith Haring, che stanziò 60 mila dollari per la
ripulitura del monumento.

Condividi!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *