Giù da palazzina di due piani, 19enne muore davanti ad amici

Il gruppo di amici con cui si trovava lo ha visto arrampicarsi sulla facciata di una palazzina e gettarsi di testa da sei metri di altezza.

E’ morto così un diciannovenne la notte scorsa a Marina di Cecina, sulla costa livornese. Il gruppo era in una piazzetta del paese dove
il giovane, che avrebbe avuto problemi di tossicodipendenza, si é allontanato ed ha “scalato” la facciata della palazzina, servendosi anche di un impianto esterno di condizionamento.

Arrivato ad un’altezza di sei metri, al secondo piano della palazzina, è stato visto cadere di testa nel vuoto. Inutile la corsa dei sanitari del 118, sul posto con i carabinieri.

L’ipotesi per ora considerata più probabile è quella del suicidio: secondo i primi accertamenti la caduta gli ha provocato la frattura della base del cranio. Dopo gli accertamenti la salma è stata riconsegnata ai familiari.

Condividi!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *