Giovane uccisa a Castagneto: ancora incerta la ricostruzione dei fatti

Un grande lavoro tecnico professionale degli inquirenti e una ricostruzione dei fatti che ancora sfugge. Il movente è tutto da capire e da ricostruire”. Così Nicodemo Gentile, avvocato della famiglia di Ilaria Leone, la ragazza diciannovenne uccisa a Castagneto la notte del Primo maggio, stamani all’uscita dalla Procura di Livorno dopo un colloquio con il magistrato.

“Da una ‘canna’ – aggiunge il legale – è difficile capire come si sia arrivati a questa situazione, in assenza anche di un contributo serio da parte dell’indagato. Per questo torniamo a ribadire, in attesa delle risultanze del Ris, la necessità che chi sa qualcosa tra i ragazzi di Castagneto e dintorni parli e dia una mano alle indagini”.

“Il fatto che potesse non essere da solo – è una pista che va approfondita – ha detto l’altro avvocato della famiglia, Antonio Cozza – In attesa degli accertamenti, le lesioni riportate dalla ragazza potrebbero avere compatibilità con altri soggetti”.

Condividi!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *