Coldiretti Pisa: in aumento i furti nei campi

Dal gasolio “succhiato” dalle cisterne e dai mezzi agricoli al rame sfilato dai tubi delle serre, dagli utensili da lavoro agli ortaggi, e se capita, anchesalumi e formaggi appesi per la stagionatura: è questa un’altra conseguenzadella crisi che ha spinto molte persone a cercare di soddisfare i più elementari bisogni attraverso piccoli furti anche nelle aziende agricole e non solo tra gli scaffali dei supermercati. A denunciarlo è stata Coldiretti di Pisa nel corso dell’incontro tra gli agricoltori ed il candidato Sindaco al Comune di Pisa, l’attuale primo cittadino Marco Filippeschi che si è tenuto ieri, martedì 14 maggio, presso la sede provinciale dell’organizzazione in Via Aurelia Nord.

Un trend, quello dei furti in campagna, che non riguarda solo Pisa ed il pisano, ma tutto il paese dove le segnalazioni di furti e furtarelli è in forte aumento. “Sindaco ci rubano gasolio, attrezzi e persino le insalate – ha spiegato Fabrizio Filippi, Presidente Provinciale Coldiretti – capiamo il momento, capiamo le difficoltà dei bilanci delle amministrazioni comunali e del Governo centrale ma qualcosa si deve fare per contrastare un fenomeno che sta iniziando a preoccuparci”. “E’ un fenomeno figlio dei tempi che stiamo vivendo – ha fatto notare Filippi – e tanti sono i furti nelle cascine che non vengono nemmeno denunciati dagli agricoltori perché si tratta di perdite di piccola entità”.

Nella stanza, ad ascoltare, tanti imprenditori che sono stati testimoni delle “sparizioni”. Ha concluso Filippi: “Serve maggiore controllo e presidio da parte delle forze dell’ordine del territorio anche nelle aree periferiche. Le imprese agricole, soprattutto quelle in periferia, sono diventate prede facili dei ladri”.

Condividi!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *